Warning: Creating default object from empty value in /home/inter203/public_html/acquisireclienticlub/wp-content/themes/canvas/functions/admin-hooks.php on line 160

Brand Positioning (Lezione 2 di 5) – la regola del partigiano

Rieccoci qua con la seconda lezione del mini corso sul brand positioning.

Ieri hai visto la prima lezione del mini corso sul Brand Positioning dove introducevo il concetto e ti spiegavo perché il brand positioning può essere considerato come le “fondamenta” di qualsiasi business che si rispetti.

Senza le fondamenta tutto il resto sarà sempre a rischio di crollo.

Oggi invece ti spiego perché, soprattutto se hai dimensioni “piccole o medie”, NON PUOI fare a meno del brand positioning.

Questo risponde alla domanda più frequente che mi fanno sull’argomento: “io sono piccolo, queste cose sono adatte solo a grandi aziende”.

La regola del cecchino

Allora, probabilmente non sei la Fiat.

Probabilmente sei un negozio, un laboratorio, magari un sito Internet o un professionista e… queste cose (brand positioning) secondo te sono solo per le grandi aziende con grandi budget pubblicitari.

Questo è probabilmente quello che credi.

Ma è un errore.

Anzi, proprio perché hai un piccolo budget (o magari zero budget) pubblicitario è imperativo che tu abbia una efficace strategia di marca.

Ti spiego perché con un interessante confronto.

Il sole è una stella, la sua potenza in Watt alla superficie è 4 x 1026 ovvero 40.000 milioni di miliardi di miliardi di Watt. Eppure ci basta mettere gli occhiali da sole, un cappello proprio quando è estate piena e comunque al massimo ci possiamo scottare un po’.

Il laser è un sistema che dirige la luce tutta in una stessa direzione. Mentre per esempio una lampadina emette la luce a 360° un laser la emette in un’unica direzione focalizzata. E per questo motivo, basta un laser da 100 Watt per tagliare l’acciaio.

Quale è la morale di questo discorso?

La morale è che se il tuo messaggio di marketing è focalizzato come un laser, allora può ottenere risultati che magari una grande azienda con budget milionari non ottiene.

Se hai solo 100 Watt di potenza devi essere un laser, non puoi permetterti di “fare come il sole” altrimenti taglierai l’acciaio come può fare una lampadina.

Se non hai un brand positioning, sei come una lampadina: dici qualcosa, dici qualcos’altro, dici le cose che dicono i concorrenti e il risultato è nullo, irrilevante, un’altra flebile voce nel chiasso del mercato.

Se hai un brand positioning efficace, sei come un laser e il tuo messaggio arriva forte, incisivo e ti porta clienti.

Può sembrare paradossale e forse sono il primo a dirtelo ma devo dirtelo:

una grande azienda con un grosso budget pubblicitario può anche avere un brand positioning mediocre e cavarsela con la forza della distribuzione, della pubblicità, magari della conoscenza storica del marchio.

Ma se sei una piccola azienda senza risorse devi assolutamente avere un brand positioning efficace.

Devi essere efficace – affilato – in quello che dici (il laser) perché non hai potenza per comprare pubblicità (una campagna TV che abbia un minimo di visibilità costa almeno 5 milioni di Euro).

Uso un’altra metafora: sei un partigiano con poche pallottole che non può sprecare, non hai l’esercito e l’aviazione che ti sostiene.

Diventa un cecchino.

Capisci perché proprio se sei una piccola e media impresa, o un professionista o un nuovo sito Internet o – soprattutto – se sei una startup che ha appena iniziato – è essenziale, obbligatorio, fondamentale che tu abbia un brand positioning efficace?

Avere un posizionamento di marca è più importante per una piccola e media impresa che per una grande.

Come fare? Come creare il tuo brand positioning efficace?

Inizia dalla regola N.1 del Brand Positioning

Regola che vediamo domani.

Nel frattempo, se hai domande, scrivile nei commenti.

  • parole sacrosante che condivido al 100%. Come dice Bezos di Amazon: meno soldi si hanno in una start up, meno se ne sprecano e si sta più attenti. Oltre al discorso che il brand è fondamentale ancor prima di iniziare a fare marketing! Non vedo l’ora di leggere quello i domani. Un saluto

    Francesco

    • Complimenti Francesco per l’interesse e la comprensione di questi concetti. Il buon Bezos ha scelto un posizionamento facile: IL SITO di ecommerce del mondo. 🙂

  • Grazie, non ho esperienza ne’ di brand ne di marketing, ma quello che dici lo trovo interessante, come ad esempio: se sei caduto per terra e ti sei fatto male ad un ginocchio, non prendertela se hai trovato uno scalino per la strada, ma vai a vedere la causa per cui sei inciampato nello scalino.Sbaglio?

  • Alex

    Uau sempre meglio questi articoli…se nel primo c’era mezza riga di “arrosto” qua manco quella, è tutto “fumo”…praticamente ribadisci che bisogna crearsi un brand ma continui a non spiegare minimamente COME