Warning: Creating default object from empty value in /home/inter203/public_html/acquisireclienticlub/wp-content/themes/canvas/functions/admin-hooks.php on line 160

Facebook Ads: 4 consigli dall’esperienza su come fare pubblicità con Facebook.

Personalmente mi occupo di Pay Per Click da diversi anni, e ho gestito budget superiori ai 50 mila euro al mese (miei e di terzi).

Naturalmente una parte di questo budget è finita su Facebook Ads fin dalla data della sua uscita, per questo ho sempre cercato di capire come ottimizzare il ritorno sull’investimento di una campagna Facebook Ads, esattamente come ho sempre fatto sugli altri canali.

Come la penso in sintesi?

Facebook Ads è uno strumento ottimo per fare pubblicità, ma richiede mediamente più lavoro di marketing perché le campagne funzionino nel tempo.

Approcciarsi a Facebook Ads in modo amatoriale è sconsigliato, perché, come accade in qualsiasi pay per click, è molto facile trasformare l’investimento in un “pozzo senza fondo” di perdite economiche.

E’ necessario riuscire ad avere ben chiare le logiche dello strumento.

Se stai gestendo una campagna Facebook Ads o pensi di voler imparare, tieni conto di questi 4 consigli che derivano dall’esperienza diretta.

Consiglio 1: monitorizza con attenzione il CTR nel tempo.

Se non sai cos’è il CTR, è il rapporto tra numero di volte che un annuncio è visto e numero di volte che è cliccato. Viene espresso dalla descrizione del tuo annuncio.

In Facebook Ads il CTR è tutto, ancora più che in AdWords.

Il meccanismo di offerta di “costo per click” (o anche quello di costo per visualizzazione) infatti è sensibilmente influenzato da quanto il tuo annuncio è cliccato.

Più è alto il CTR, più il tuo annuncio verrà visto dal tuo pubblico a un costo minore.

In pratica è un meccanismo ad asta, per spiegarti come funziona ti faccio un esempio.

Se il tuo pubblico è di 10 persone e il mio rapporto tra CTR e OFFERTA è superiore al tuo, facebook tenderà a far vedere più volte il mio annuncio anziché il tuo.

Questo significa che il mio messaggio raggiungerà più persone rispetto al tuo, a costi minori.

In più il tuo, man mano che il CTR calerà “naturalmente” (vedi dopo cosa intendo) uno dei due annunci verrà quasi del tutto escluso dal mercato, a meno che non si sia disposti ad alzare l’offerta per click.

Quindi viene da chiedersi:

Cosa influenza iL CTR?

Tre cose:

  1. Il “tema emotivo” su cui punta il tuo annuncio (es:”perdere peso” è sensibilmente diverso da “mettersi in forma”, uno è il tema “scappare dal dolore”, l’altro è il tema “raggiungere il piacere”).
  2. L’immagine e il testo (qualità) del tuo annuncio
  3. Il numero di volte che l’annuncio è stato mostrato allo stesso target (dipendente dal tempo in cui la tua campagna procede e dalla dimensione del tuo target).

In pratica funziona così: più il tuo annuncio è mostrato ad un pubblico poco numeroso e di nicchia con un annuncio ben fatto, più il CTR sarà elevato

Più il CTR è elevato, meno il click ti costa.

Quali soluzioni operative dunque?

Quando inizi una campagna su Facebook Ads, seleziona con cura il target.
Poi, negli annunci, usa sempre almeno 2 temi emotivi differenti.

Ad esempio prova in contemporanea annunci che puntano a:
“Vuoi perdere peso”

e a:

“Vuoi sentirti in forma”.

Temi emotivi differenti ti fanno scoprire più spesso i “breakthrough”, ovvero i grandi balzi in avanti di CTR.

In più per ogni tema emotivo prova immagini diverse (almeno 4).

Alla fine dovresti avere per ogni campagna 2 temi emotivi e 4 annunci sempre in rotazione.

Quando, dopo un po’ di tentativi, non riesci più a battere un certo tema emotivo, cominci a lavorare di fino e ottimizzarlo sempre di più a livello di copy.

A volte anche piccole frasi possono fare una grande differenza.

Consiglio 2: tieni sotto controllo il parametro “frequenza” della campagna

Se usi Facebook Ads avrai notato che il prezzo della tua campagna “tende” ad alzarsi in funzione del tempo

Per quanto spiegato prima sul CTR, è chiaro che man mano che il tuo annuncio verrà visualizzato dal tuo pubblico più e più volte, il tuo CTR sarà sempre in calo.

Questo è un fenomeno “naturale” di Facebook, legato alla saturazione appunto.
Lo puoi monitorare con l’indicatore “Frequenza” (che indica il numero di volte medio che la stessa persona ha visto un annuncio).

Più è alto “frequenza”, più il tuo CTR tenderà ad abbassarsi.

Questo è ciò che lamentano gli inserzionisti Facebook: il prezzo si alza nel tempo e le prestazioni calano giorno dopo giorno!

Come fare dunque?

Soluzione: se desideri una campagna che funzioni a lungo hai due strade.

1. punta a temi emotivi generalisti che comprendano un pubblico più ampio.

Perché?

Perché più è ampio il pubblico, meno il fenomeno saturazione sarà presente (e in qualche caso proprio non esisterà).

2. Se non puoi usare la 1, in alternativa “rinfresca” gli annunci a periodi regolari, con immagini sempre nuove.

3. Se le tue immagini sono già ultra ottimizzate, usa “le pause di respiro”.

Ovvero fai partire la tua campagna per un periodo di tempo definito
Non appena vedi un calo sensibile delle prestazioni, la sospendi.

Dopo qualche tempo (ad esempio una o due settimane) la fai ripartire.

In questo modo “risvegli” il pubblico solo quando ti serve.

E per quanto riguarda gli annunci, cosa funziona su Facebook?

Prova queste:

Consiglio 3: prova annunci della tipologia “curiosità” e “appartenenza”

Fin dall’inizio su FB Ads ho notato questo fenomeno.

Due annunci che funzionano molto bene sono quelli di “curiosità” e quelli di “appartenzenza”.

Soprattutto il secondo probabilmente è dovuto al fatto di come facebook stesso è costruito

Annunci di curiosità: sono annunci che in qualche modo “interrompono” il flusso di pensieri dell’utente.

Annunci di questo tipo di solito hanno ottimi CTR, sopratutto finché il pubblico non è saturo (ma attirano pubblico di minor qualità).

Dall’altra parte invece gli “annunci di appartenenza”: sono utilissimi quando ti serve selezionare un certo tipo di pubblico.

Ma hanno il problema che saturano il pubblico più velocemente.

Esempio di annuncio di curiosità:
“Hanno ucciso il gatto”

Esempio di annuncio di appartenza:
“sei un avvocato? Ecco come…”

Io preferisco i secondi nelle campagne “giovani”, per prendere subito il meglio

Poi li alterno con i primi altri per contrastare l’effetto invecchiamento, e trovare nuovi breakthrough nel CTR

Consiglio 4: sfrutta le ultime novità e scoperte

Il mondo del Pay Per Click in generale, Google Adwords ma anche Facebook, è un mondo in evoluzione, dove spesso emergono nuovi approcci marketing e commerciali capaci di fare la differenza e massimizzare il tuo profitto.

Ad esempio un conto è trovare il pubblico giusto.

Un conto è sapergli fare anche le offerte giuste.

In questo tipo di mondo è fondamentale rimanere sempre aggiornati: perché questo ti permette di mantenere un vantaggio competitivo nei confronti dei concorrenti.

In più, avere accesso ad una comunità di consulenti o imprenditori come te, ti aiuta ad accelerare i tempi di apprendimento perché impari anche dall’esperienza, dai test e dagli investimenti altrui.

Proprio come hai fatto leggendo questo articolo.

Il mondo del pay per click è affascinante, utile e stimolante. Per chi desidera migliorare nel marketing e nel proprio uso del pay per click, è nato Acquisire Clienti Club.

Qual è il prossimo passo

Una nuova e potente idea pratica di marketing per te può valere molto.

Soprattutto se sei un consulente marketing o la tua azienda investe (o desidera investire) in Pay Per Click, il consiglio giusto al momento giusto può valere per te decine di migliaia di euro in più o in meno a fine anno!

Per questo se desideri un repertorio di idee nuove e potenti, se vuoi diventare più abile nel lanciare e gestire le tue campagne pay per click e se desideri accelerare la tua curva di esperienza, Acquisire Clienti Club potrebbe fare al caso tuo.

Per continuare la lettura e scoprire c’è Acquisire Clienti Club (e quanto può aiutarti), prosegui in questa pagina.

  • Non ho trovato da nessuna parte su internet una spiegazione migliore di questa su Facebook e concordo su tutto!

  • Sergio

    mi sembra buono… hai ragione 

  • Faudean

    Avrei bisogno della tua consulenza.

  • Gianni

    Sono d’accordo con Giulio però ti chiedo per aver un successo sulle visite sul proprio sito web e-commerce ( mediante Adwords o FB ) come dovrebbe presentarsi secondo il tuo punto di vista ? E’ importante che il probabile cliente acquisti per la fiducia che gli ispira un sito web presentabile e in quale modo ? 

  • Duilionet76

    Davvero eccellente.

  • Angelo

    ottimo articolo

  • Alimentazione Nutrizione

    mi piace è interessante…

  • weddingsbooking

    chiaro e semplice, vediamo se riesco a mettere a frutto l’insegnamento

  • ceglieincucina.com

    ottimo e spiegato in maniera dettagliata come non o mai visto prima complimenti.

  • Qualche case history?

  • Interessante, ma vorrei delle delucidazioni in più